caricamento in corso...
In cima

Questa è una traduzione automatica.
Clicca qui per leggere la pubblicazione in lingua originale.

Recentemente, ho terminato la mia personale, in gran parte amatoriale e soggettiva, ma personale e diretta conoscenza con le cliniche veterinarie nella mia città natale di Kemerovo, e oggi voglio condividere le mie osservazioni e conclusioni.

Breve background:

Fin dall'inizio del lavoro sul progetto delle funzionalità future della rete vetworld.net, i creatori sono stati divisi in due comandi condizionali:

Il primo sono i programmatori che sostengono la creazione del numero massimo di strumenti utente e di tutti i tipi di "chip" sul principio: "molto non è abbastanza" e qualcosa sarà utile per gli utenti.

Il secondo è un gruppo di "ingegneri sociali", a cui appartengo anch'io, che credono che gli utenti non debbano essere sovraccaricati di un'abbondanza di strumenti, ma ogni strumento deve risolvere un compito specifico dell'utente ed essere utile per questo, cioè "meno è meglio" .

Poiché la verità è sempre "da qualche parte nelle vicinanze", e per elaborare un piano per lo sviluppo di ulteriori funzionalità di rete, è necessaria una "carta di interessi" degli utenti, i miei membri del team hanno iniziato a raccogliere e compilare informazioni e impressioni sullo stato attuale del nostro settore veterinario provinciale, i cui risultati sono oggi in questo articolo.

Immediatamente, vorrei fare una riserva sul fatto che la nostra "ricerca" non pretende in alcun modo di essere rigorosa e completa perché è stata eseguita a metà con metodi "partigiani", e non tutti i veterinari intervistati erano a conoscenza del vero scopo dell'interrogazione, e i "ricercatori" stessi non erano sempre presentati, ma quello che è successo, si è scoperto e giudicare il valore delle conclusioni da soli.

E quindi, iniziamo:

In totale, a Kemerovo, abbiamo contato più di trenta cliniche veterinarie, centri e gabinetti, che non è così piccolo per la nostra città relativamente piccola (550.000+ persone), e la competizione tra professionisti che forniscono servizi veterinari è piuttosto alta, anche se molto particolare.

Per semplicità di percezione, chiameremo tutti i luoghi in cui i servizi veterinari vengono forniti "cliniche", anche se si chiamano in modo diverso: cliniche veterinarie, servizi veterinari, centri veterinari, cliniche veterinarie, stazioni, laboratori, ecc.

Cliniche veterinarie:

Le forme organizzative e legali di tutte le cliniche sono diverse, ma prevalgono le opzioni per l'organizzazione di questa attività da parte di singoli imprenditori (PI), anche se ci sono cliniche sotto forma di LLC e persino di istituzioni, comprese quelle di bilancio.

Per livello di qualità del servizio e "promozione" (popolarità, successo, redditività) tutte le cliniche possono essere suddivise in tre categorie condizionali:

Con successo - lavorano da molto tempo, si trovano in locali spaziosi e ben attrezzati, hanno uno staff completo di personale qualificato, forniscono una vasta gamma di servizi veterinari, sono pubblicizzati regolarmente, hanno una cerchia consolidata di clienti regolari da tutte le parti della città, periferie e anche città vicine, e si occupano di reputazione del proprio marchio.

Serednyachki : cerca di essere simile al successo, ma sotto tutti gli aspetti, mentre "un passo sotto". Questo è sentito letteralmente fin dall'inizio - non le premesse più confortevoli, il personale non sufficientemente attento, l'elenco dei servizi forniti è molto limitato e per la maggior parte dichiarativo. Clienti, in contrasto con il "successo", principalmente dalle aree vicine e metà "una tantum". Mettono i loro annunci in modo irregolare e irregolare, spesso non hanno nemmeno un loro sito web, limitato a una pagina trascurata su un social network di uso generale.

Outsiders - tutto è triste qui, e non solo, e non tanto come lo spazio occupato e la scarsità di supporto materiale, ma in un'organizzazione infruttuosa e scomoda per i clienti, bassa qualificazione e buona volontà dello staff, qualità controversa dei servizi forniti e una reputazione molto dubbia. Non c'è quasi nessuna pubblicità in questo segmento, e le informazioni disponibili su Internet su tali cliniche spesso consistono in feedback da ex clienti, per lo più negativi. I clienti principali di tali cliniche sono persone in pensione provenienti da case vicine, focalizzate sulla vicinanza e prezzi bassi.

Medici veterinari:

In generale, la classificazione dei veterinari è simile alla gradazione delle cliniche in cui lavorano, e questo è del tutto naturale, dato che a Kemerovo non ci sono troppi veri professionisti nel settore veterinario e, sfortunatamente, nemmeno i medici che lavorano nelle cliniche veterinarie hanno una specializzazione (veterinaria ) educazione.

Dal momento che il livello generale della qualità dell'istruzione è diminuito significativamente negli ultimi anni, la maggior parte dei laureati delle università veterinarie, subito dopo la laurea, hanno poca esperienza pratica e, dopo essere stati impiegati nel settore, iniziano effettivamente un nuovo livello di istruzione, che non termina con buoni veterinari, ma per gli altri ... si tratta di un metodo per tentativi ed errori o di "camminare su un rastrello".

Interessi professionali e sviluppo professionale dei veterinari:

Conformemente alla suddetta classificazione condizionale delle cliniche veterinarie e dei veterinari stessi, anche la gamma dei loro interessi e aspirazioni professionali differisce in modo significativo - se i veterinari di successo che lavorano in buone cliniche veterinarie cercano di padroneggiare nuove attrezzature, nuovi metodi di diagnosi e trattamento e persino sono pronti a proprie spese per partecipare a vari eventi regolarmente organizzati in diverse città del paese da parte di esperti del settore, la situazione è spesso diversa con contadini medi ed estranei ...

A condizione dell'anonimato, alcuni veterinari hanno anche detto che in linea di principio non sono contrari a nessun congresso veterinario, ma solo a spese del loro datore di lavoro, e anche allora, non tanto per la loro crescita professionale, quanto per "camminare attraverso" la capitale e "Hang out" con i colleghi dell'hotel ...

Sfortunatamente, finora pochi veterinari sono disposti a condividere le esperienze con i colleghi, sebbene alcuni siano membri di gruppi professionali nei social network e nei forum professionali, ma la comunicazione al loro interno si riduce a brevi domande e risposte su casi specifici e praticamente non li riguarda. livello professionale generale.

Inoltre, pochi veterinari sono in grado di scrivere non solo un articolo scientifico, ma almeno un pratico sulle loro attività, ma a mio parere questa è una conseguenza del comune, e indipendente dalla professione, desiderio di eccessiva "brevità" che si è formata negli ultimi anni non senza l'influenza del sociale reti con i loro post brevi, repliche e articoli non a tutti gli effetti.

Sfortunatamente, ai nostri giorni, l'incapacità di una presentazione coerente dei propri pensieri (se ce ne sono) viene percepita dalla maggioranza come "normale e normale" e rare eccezioni sono associate principalmente a attività scientifiche o didattiche.

Allo stesso tempo, molti professionisti esprimono ancora interesse nello studio degli articoli di altre persone (conferenze, seminari) su argomenti professionali, ma allo stesso tempo, a causa dell'eccessiva timidezza o della solita pigrizia, non sono pronti a condividere il proprio lavoro.

Pochi veterinari praticanti si preoccupano della propria pubblicità, della creazione di un marchio personale e del posizionamento professionale su Internet. La maggior parte, anche se hanno account nei social network, raramente scrivono qualcosa, e ancora di più su argomenti professionali.

Quasi tutti gli intervistati lamentano la prevalenza e la nocività dei forum online pseudo-professionali, in cui "esperti" anonimi danno consigli completamente analfabeti per trattare gli animali con "rimedi popolari", dopo i quali i veterinari spesso hanno poco aiuto.

Allo stesso tempo, i veterinari di solito alzano le spalle, concordano sul fatto che è necessario farlo, ma non devono farlo da soli, e solo pigri ... domande sulla propria "contro-propaganda", lavoro esplicativo ed educativo su Internet.

In generale, la maggior parte dei veterinari in primo luogo è interessata ad aumentare il proprio reddito, che di per sé non è qualcosa di anormale, sconveniente o vergognoso, e tutte le questioni relative alla crescita professionale e alla formazione avanzata sono solo un mezzo per raggiungere l'obiettivo principale

Proprietari di veterinaria:

A differenza della maggior parte dei veterinari che lavorano nelle loro cliniche, i proprietari del business veterinario che sono stato in grado di incontrare sono molto più interessati a sviluppare le proprie cliniche, a sviluppare processi aziendali di interazione con i clienti, a riconoscere il loro marchio, buona reputazione e feedback positivi sul loro attività.

Sfortunatamente, non tutti i direttori di cliniche veterinarie vivono nel XXI secolo - alcune persone in genere hanno poca comprensione di quali opportunità Internet e metodi moderni di comunicazione con i clienti possono dare loro, e preferiscono ancora annunci pubblicitari sulle porte e sui giornali locali gratuiti ...

Uno dei leader della clinica veterinaria di tipo "medio", alla domanda: "che cosa ti dà il tuo sito web?", Onestamente ha risposto: " sì, non hanno fatto nulla in modo che fosse come gli altri, ma nessuno è particolarmente interessato a questo ".

Sulla proposta di partecipare alla nostra rete e ottenere gratuitamente la propria rappresentazione su Internet, ha detto: " Perché ne ho bisogno? Ma il tuo sito non mi comprerà una macchina, un appartamento o una pelliccia. Non ho tempo per affrontare questa assurdità! "- questa è una comprensione della prospettiva, o piuttosto la completa assenza di qualsiasi comprensione ...

Per correttezza, noto che la maggior parte dei responsabili delle cliniche capisce che oggigiorno la presenza della rappresentazione di Internet non è più solo un tributo alla moda, ma un'esigenza urgente, ma giustifica la propria passività con mancanza di tempo, abilità, persone, anche se secondo me, dietro a tutto questo la solita pigrizia e riluttanza a imparare nuovi metodi di comunicazione con clienti e colleghi è nascosta da scuse.

L'atteggiamento dei responsabili delle cliniche e dei veterinari alla pubblicità è interessante - molti considerano le loro attività esclusivamente locali, orientate al meglio ai residenti della loro città (più spesso anche nelle aree vicine), rispettivamente, e scelgono gli stessi canali locali per pubblicizzare le loro attività - volantini nelle cassette postali, pubblicità in ascensori, volantini su bacheche e recinti, cartelloni stradali, ecc.

Tuttavia, una piccola (per il momento) parte dei manager più progressisti e "avanzati" comprende già che la popolazione sta diventando più mobile e per alcuni dei loro clienti la distanza non è più di importanza fondamentale - le persone possono portare il loro animale domestico a un buon dottore e oltre 200-300 chilometri.

Questa categoria di gestori non è più limitata alla pubblicità locale, ma colloca informazioni sulle proprie cliniche nei media regionali, su varie mappe e nelle guide, sui social network e su siti Internet specializzati.

Sfortunatamente, non abbiamo ancora trovato nessuna clinica Kemerovo (forse hanno solo un aspetto negativo) in cui potremmo fissare un appuntamento online o creare un "cestino cibo" personalizzato per il nostro animale domestico, sebbene quasi ogni clinica abbia il suo negozio di animali. Questa direzione non è stata ancora sviluppata, anche se c'è sicuramente una domanda.

Competizione ed etica delle relazioni tra le cliniche veterinarie:

Per me è risultata una dispersione completamente inaspettata di opinioni su colleghi e concorrenti in diversi segmenti della nostra comunità veterinaria provinciale - se in cliniche di successo domande su colleghi di altre cliniche ed esprimere opinioni su altre cliniche sono effettivamente proibite, allora lo staff di cliniche veterinarie di altre categorie, praticamente si limitano a valutazioni negative dell'attività dei concorrenti, sia nelle conversazioni con i clienti sia nelle recensioni su Internet.

Riassumendo, possiamo concludere che ci sono buone cliniche e veterinari di alta qualità nella nostra città, ma non ce ne sono tanti come vorremmo. I proprietari di animali domestici vogliono trovare veri aiboliti per i loro animali domestici, concentrandosi sulla professionalità dei veterinari e non solo sulla vicinanza della clinica alla loro casa o sulla promessa di prezzi bassi.

PS Non ho deliberatamente menzionato né i nomi delle cliniche né i nomi dei veterinari nell'articolo, ma se qualcuno si è trovato nei personaggi descritti - non offenderti, ma fai le giuste conclusioni e cerca di diventare almeno un po 'meglio. Buona fortuna!

Download: Map_vet_32.png

Questa è una traduzione automatica.
Clicca qui per leggere la pubblicazione in lingua originale.

Questo post è disponibile nelle seguenti lingue:
Deutsch   English   Español   Français   Italiano   Русский  

Segnala un abuso

Notare che

Ti abbiamo inviato un link per verificare il tuo indirizzo email. Non dimenticare di controllare la cartella Spam. Se improvvisamente il messaggio entra in questa cartella, fai clic su "Non spam!".

Se non ricevi un'email con un link per l'attivazione entro il minuto successivo, clicca qui:

Attendere prego sec.

Se anche questo tentativo fallisce, ti consigliamo di utilizzare un indirizzo email diverso per la registrazione.